giovedì 31 luglio 2008

Midori, futuro erede di Windows

Ne avevo sentito parlare girando per la rete ed oggi ho letto l'articolo anche sulla pagina web del Corriere della Sera. Midori sarà il futuro sostituto del sistema operativo più "nominato" al mondo, naturalmente non sarà un avvenimento a breve scadenza dato che già nel 2010 è atteso il successore di Vista per cui si pensa che ci vorranno almeno 5 anni per vedere all'opera il nuovo gioiellino.
Midori dovrà mettere fine a tutti quei problemi che attualmente affligono Windows, come la sicurezza, la gestione delle applicazioni, i problemi sulle estensioni, i plug-in, i driver. Secondo quanto riferisce la rivista "Computerworld" infatti Midori sarebbe un sistema che, per la prima volta, abbraccerebbe la virtualizzazione, avrebbe sostanzialmente un core internet centrico, vale a dire basato sull'idea di componenti tra loro interconnessi in grado di eseguire processi software isolati. La virtualizzazione è la tecnologia emergente che sembra raccogliere interesse soprattutto da parte delle aziende, che permette ad un server di gestire diversi sistemi operativi andando ad emulare le istanze dei sistemi operativi “ospiti”; questo agevola il mantenimento di un insieme di applicazioni su un singolo server e con un maggior livello di affidabilità. Non più quindi un unico grande programma implementato su una sola macchina, ma un insieme di istruzioni che permette ad accedere di volta in volta ai software necessari presenti su server dedicati.
Staremo a vedere cosà questa nuovo software sarà in grado di offrirci. Per ulteriori informazioni vi consiglio di leggere questo post davvero esauriente!

2 commenti:

  1. ..Tocca capire bene cosa intendono per cloud computing e virtualizzazione, ma secondo me (conoscendoli) le prime 3 versioni presenteranno blue death screens ogni 2 ore su tutte le device connesse: dai palmari ai serveroni del 2012 ;-)

    Alex

    RispondiElimina
  2. Un po di ottimismo non fa mai male ;) Per il resto l'idea di tanti thin client tutti connessi in rete mi piace...

    RispondiElimina

Per favore non commentare anonimo, grazie!