sabato 27 settembre 2008

Resoconto della Notte dei Ricercatori

Vi avevo parlato nell'ultimo post che l'Università degli Studi di Catania ha organizzato la Notte dei Ricercatori, quest'anno alla sua prima edizione! Bene, TechInto ha partecipato live all'evento, eccovi qualche impressione.
Anche se l'organizzazione ha lasciato parecchio a desiderare, la serata si è svolta nel migliore dei modi per il mondo della ricerca, che ha spiegato in maniera chiara e semplice i loro avanzati studi nei più svariati settori scientifici. Personalmente ho seguito una interessantissima conferenza sulla Grid, il calcolo distribuito, che offre a chi ne ha bisogno( ricercatori in primis) una potenza di calcolo che non si potrebbe attualmente raggiungere da un singolo server! Il progetto del Consorzio Cometa Pi2S2, che opera a livello nazionale, ha messo in piedi qui in Sicilia una struttura degna di nota. Una parte dei server( dislocati qui da noi a Messina,Palermo e Catania) è ospitata anche dalla Facoltà di Ingegneria, e c'hanno dato la possibilità ieri sera di visitarla mentre elabora enormi mole di dati, in una stanza raffreddata da 2 condizionatori da 48.000 BTU!
Davvero ben allestito è stato lo stand che mostrava l'esperimento CMS all'LHC di Ginevra: un ricercatore ha spiegato la grandezza di questo esperimento, durato ben 15 anni con la collaborazione di tantissimi atenei ed enti di ricerca mondiali.Una spiegazione che credo non si trovi su nessun giornale o sito web.
Purtroppo ho saltato la zona dedicata alla robotica, in cui tra l'altro il mio professore Paolo Arena( e alcuni suoi aiutanti del DIEES) hanno dimostrato quanto i robot siano oggi a livelli davvero impensabili fino a qualche decennio fa!
Le (poche) foto che ho scattato per la manifestazione, le potrete vedere qui sotto. E speriamo che l'anno prossimo si possa rivivere di nuovo questa grande esperienza!
Notte dei ricercatori a Catania

Ti è piaciuto quest'articolo? Offrimi una Coca Cola ;)





Nessun commento:

Posta un commento

Per favore non commentare anonimo, grazie!