mercoledì 9 settembre 2009

Aumentano i candidati ingegneri a Milano: perchè?

Davvero interessante questo articolo scritto da un giornalista del Sole24Ore, Antonio Larizza. Stando infatti a quanto riporta il Politecnico di Milano, quest’anno i candidati a fare l’esame di ammissione presso questa prestigiosa facoltà sono aumentati del 15% rispetto all’anno scorso e del 23% rispetto a 2 anni fa. Le percentuali contano poco, ma andando ai numeri queste percentuali vogliono dire ben 7213 aspiranti, poco più di 900 rispetto all’anno scorso! Anche a Torino si registra una crescita, anche se solo limitata al 5% rispetto all’anno accademico appena concluso. Ma perchè questo fenomeno?

Indubbiamente l'ateneo milanese attira, è risultato il primo nella classifica stilata dal Sole24Ore tra tutti gli altri atenei italiani, e il sesto al mondo nell’autorevole classifica internazionale di Shangai. Tra l’altro ha contatti con ben 2500 aziende in tutto il mondo e l’80% dei laureati trova lavoro entro i primi 2 mesi. Percentuale che sale al 90% se si estende il periodo a 4 mesi. Praticamente ti laurei e trovi un buon posto di lavoro per il tuo futuro. Ma questo è solo un motivo per cui anch’io dopo la laurea triennale quasi certamente proseguirò i miei studi presso il Politecnico lombardo.

Ma è davvero una cosa buona quest’incremento di iscritti? Per quel che mi riguarda, non lo so. Il mio corso di studi a Catania da quando mi sono iscritto è sempre stato meno frequentato, e di questo in un certo senso sono felice non avendo chi mi spinge da dietro per un posto di lavoro in futuro. Insomma non credo sia bello stare seduto agli esami con gente 1-2-3 anni più piccola di te e che prende voti più alti e riesce a dare più materie in un anno. Però noto che almeno qui in Sicilia il livello di istruzione dei diplomati sta andando sempre più a picco, ora chissà che magari con i nuovi decreti della Gelmini questo livello si rialzi o quanto meno ci saranno meno caproni che si nascondono nelle università senza fare nulla.

Da un altro punto di vista invece l’aumento di questi iscritti lo vedo decisamente bene. Più ingegneri per me stanno a significare più innovazione, più gente che spinge avanti la tecnologia e risolleva le sorti di un Paese che da questo punto di vista è rimasto molto indietro rispetto agli altri( almeno che poi vanno tutti all’estero come il caro Nissardo).

Scusate l’estrema lunghezza del post, ma di fronte a certe cose non si può rimanere in silenzio. Voi piuttosto, che ne pensate?

Nessun commento:

Posta un commento

Per favore non commentare anonimo, grazie!